Giugno mese di pagamento imposte: la banca può aiutare le imprese?

Giugno mese di pagamento imposte: la banca può aiutare le imprese?

Home / News / Giugno mese di pagamento imposte: la banca può aiutare le imprese?

Con l’arrivo del mese di giugno le piccole e medie imprese e i professionisti devono iniziare a prepararsi per le scadenze fiscali del mese. Giugno infatti è un mese caldo, non solo da un punto di vista climatico, ma anche per quello finanziario per le PMI italiane.

Spesso infatti si verificano situazioni di tensione finanziaria (o necessità di liquidità) poiché le PMI si trovano ad affrontare, oltre ai soliti impegni legati alla gestione corrente, le impegnative scadenze fiscali previste, a cui per alcuni settori si aggiunge il pagamento delle tredicesime.

Di seguito le principali scadenze previste nei mesi di giugno e luglio:

30 GIUGNO

Dichiarazione dei redditi 2017 e Irap 2017 per anno 2016 persone fisiche, società di persone e soggetti Ires – Versamento saldo 2016 e prima rata acconto 2017 in unica soluzione o prima rata in caso di pagamento rateale. Si può anche spostare il pagamento al 30 luglio 2017, che slitta a lunedì 31 luglio, maggiorando le somme dovute dello 0,40 %

Dichiarazione dei redditi 2017 per anno 2016 persone fisiche – Contributi Inps artigiani e commercianti Ivs e gestione separata – saldo 2016 e primo acconto 2017

Cedolare secca – Versamento saldo 2016

30 LUGLIO (slitta a lunedì 31)

Dichiarazione dei redditi 2017 e Irap 2017 per anno 2016 persone fisiche, società di persone e soggetti Ires – Versamento saldo 2016 e prima rata acconto 2017 in unica soluzione con aumento dello 0,40 %, o prima rata in caso di pagamento rateale con 0,40 % in più

Dichiarazione dei redditi 2017 per anno 2016 persone fisiche – Contributi Inps artigiani e commercianti Ivs e gestione separata – saldo 2016 e primo acc. 2017 con 0,40 % in più

31 LUGLIO

Dichiarazione dei redditi 2017 per anno 2016 persone fisiche, società di persone e soggetti Ires – Rata per imposte e contributi per i non titolari di partita Iva

770 ordinario e semplificato – Presentazione in via telematica

Tutte le banche, soprattutto negli ultimi anni, hanno cominciato a proporre finanziamenti per il pagamento delle imposte, tasse e tredicesime/quattordicesime.

Vediamo allora quali sono le principali scadenze a cui le aziende potranno far fronte nel mese di giugno e che possono essere prese in considerazione dalle banche come oggetto del finanziamento:

  • Versamento IRES-IRAP (saldo 2016 e 1° acconto 2017)
  • IMU
  • Pagamento quattordicesima mensilità

Si tratta di finanziamenti a breve termine – normalmente 12 mesi – che forniscono all’impresa la liquidità necessaria per far fronte ai pagamenti fiscali e del personale rientrando in un orizzonte temporale di breve termine. In questo modo si riescono a soddisfare le esigenze straordinarie di cassa delle aziende impegnate a effettuare il pagamento di imposte, tasse, contributi (assistenziali e previdenziali), cartelle esattoriali e altre tipologie di tributi e oneri di natura fiscale e le esigenze legate alla liquidazione periodica della tredicesima e quattordicesima mensilità ai propri dipendenti.

Normalmente sono prodotti molto flessibili su tutti gli aspetti del finanziamento. Prima di tutto sulla durata, che può andare dai 6 ai 12 mesi. In secondo luogo sulla scelta del tasso di interesse che può essere fisso o variabile. Infine sulla tipologia di piano di rimborso, che può prevedere il pagamento di una rata mensile oppure addirittura un rimborso in un’unica soluzione alla scadenza del periodo (finanziamenti bullet).

Tutti gli istituti di credito propongono tassi di interesse molto convenienti su questi finanziamenti, motivo per cui vengono sempre più utilizzati dalle PMI.

Bisogna però muoversi per tempo e predisporre la giusta documentazione. Chiaramente si tratta di operazioni di breve termine che devono essere istruite e deliberate molto velocemente, spesso con importi non eccessivi per cui non si va a modificare in maniera sostanziale il livello di indebitamento e quindi la capacità di rimborso. È evidente come sia più facile inoltrare una richiesta di questi finanziamenti a una banca con cui l’azienda già intrattiene rapporti e ha affidamenti in corso, mentre più difficile è iniziare la relazione con una banca nuova per finanziare tasse e tredicesime/quattordicesime.

Tommaso Birelli


www.pmitutoring.it è a disposizione degli imprenditori per agevolarli nel dialogo con le banche e nel reperimento delle opportune risorse finanziarie.


Chiamaci al numero verde

800 94 25 52

o compila il form sottostante, e i dati della tua azienda, per ottenere in poche ore un' analisi di fattibiltà della tua richiesta di finanziamento.

Ti contatterà un nostro tutor per accompagnarti.


Informazioni preliminari